fiorini-1

AZIENDA AGRARIA FIORINI

L’Azienda Agraria Fiorini coltiva oltre 100 ha di terreno nel Comune di Barchi, a circa 30 minuti da Fano.

Luigi Fiorini iniziò l’attività vitivinicola nel 1900 e ora l’azienda ha un patrimonio di 42 ha di Bianchello del Metauro, 2 ha di Sauvignon Blanc e 10 ha tr Sangiovese, Montepulciano e Cabernet Sauvignon.

 

100 anni di storia legata ad un fondatore. Così è dal 1900, quando Luigi Fiorini diede vita all’attuale corpo aziendale. Da sempre un’azienda aperta al dialogo, operosa e pilota per metodi e modi di fare agricoltura. L’Azienda vive un ampio respiro agricolo con gli oltre 100 ha di terra nel comune di Barchi, limitrofe al territorio di Urbino-Montefeltro. Giacitura collinare su 350 m s.l.m. a poche miglia dal mare ma già prossimo ai verdi monti appenninici. La Viticoltura è il cuore pulsante dell’Azienda, tutte le attenzioni sono catalizzate dai vigneti e dai loro vini: 42 ettari di Bianchello, 2 ettari di Sauvignon Blanc e 10 ettari tra Sangiovese, Montepulciano e Cabernet Sauvignon, sono il patrimonio viticolo delle otto etichette Aziendali, espressione della territorialità di questi vitigni. L’uva rimane il primo motivo caratterizzante i vini, e con tale filosofia viene trasformata. Metodi e modi di vinificazioni, confezionamento e affinamento hanno come obiettivo principale il rispetto del frutto. L’olio, prodotto nei sette ettari di proprietà, rappresenta un’altra importante realtà di sviluppo aziendale, tanto che da ottobre 2011 è operativo il frantoio dell’Azienda medesima, ubicato nell’annesso della Foresteria Agrituristica Strada dei Campioli.

Vini per tradizione, tramandati per generazioni. Tre generazioni per maturare certezze ed esperienze. Così nascono i nostri vini. Otto vini per dare la parola alle nostre terre. Luigi Fiorini nel 1930 piantò l’idea ed il primo vigneto. Valentino Fiorini, agronomo, ha ereditato l’istinto indispensabile per fare bene questo lavoro, e ha piantato nelle terre giuste i giusti vitigni, allargando gli orizzonti viticoli dell’Azienda. Carla Fiorini, ultima generazione, ha già maturato questa certezza e vive l’esperienza paterna come tesori di vita e di saggezza professionale.

Il merito di Valentino Fiorini è sicuramente quello di avere fatto diventare l’Azienda più grande, quello della moglie Silvana è stato quello di averla fatta diventare più accogliente e significativa della storia familiare. Sotto la direzione marketing della Signora Silvana sono nate le otto etichette di vino e l’etichetta dell’olio che esprimono il “genius loci” di queste terre, frutto di passione, di terra e di sole.

moncaro vini marchigiani

MONCARO VINI MARCHIGIANI

Moncaro è la più importante realtà di produzione di vini Marchigiana.

Moncaro ha sede a Montecarotto, in provincia di Ancona, a 40 km da Villa Giulia. E’ il primo produttore di vini delle Marche con oltre 13.000.000 di bottiglie all’anno e la più grande cooperativa agricola delle Marche, fondata nel 1964. Perciò Moncaro con i suoi agricoltori e i suoi vigneti è profondamente insediata nel territorio.

Moncaro ha una produzione di vini marchigiani che si divide tra quelli vini biologici, con oltre 60 ha di vigneti ed iniziata nel 1980, e altri 300 ha di vigneti per i quali la difesa dalle malattie della vite viene condotta con i metodi della lotta guidata ed integrata. Questi metodi hanno permesso il ritorno degli insetti utili nei vigneti e degli animali selvatici in campagna, e nelle zone intensamente coltivate a vigneto si possono vedere varie specie di uccelli oltre a cinghiali, lepri, istrici e daini.

L’equilibrio produttivo della vite viene regolato con accurate potature secche e verdi.
L’eccedenza di produzione viene controllata con il diradamento dei grappoli.

La conoscenza storica dei propri vigneti, con i diversi vitigni, ed il monitoraggio dell’andamento climatico permette a Moncaro di pianificare i metodi ed i tempi della trasformazione in vino ancora prima della vendemmia, che avviene in più passaggi per cogliere il momento ottimale della maturazione dei grappoli.
Interessantissimo: tutte le uve raccolte sono classificate e codificate per tipologia, per grado zuccherino, sanità e resa per ettaro.

Tantissimi sono i riconoscimenti e premi ricevuti dai vini marchigiani Moncaro.

L’azienda ha le tre sedi di produzione e i suoi vigneti si trovano nelle aree vitivinicole più importanti della regione Marche.
La Cantina di Montecarotto nell’ area classica dei Castelli di Jesi.
La Cantina del Conero a Camerano, alle pendici del Monte Conero.
La Cantina di Acquaviva nel sud delle Marche nell’area Superiore del Piceno.

Qui troverete l’ elenco dei vini prodotti da Moncaro, con le loro caratteristiche e i premi ricevuti: buon divertimento!

Da non perdere la visita alla cantina di affinamento, dove sotto maestosi archi a volta riposano botti e barriques in rovere assieme alle pupitres per l’affinamento in bottiglia dello spumante metodo classico.

La cantina di affinamento si trova al centro aziendale Le Busche, a pochi metri dalla sede di Montecarotto, ed accoglie anche il Ristorante Erard.

A pochi metri dalla cantina troverete La Casetta, il punto vendita dei vini aziendali che completa il percorso dedicato ai visitatori.

Orario di apertura La Casetta:
lun-ven 8:30/12:30 – 15:00/19:00
sab 8:30/12:30 – 16:00/19:00

Moncaro

Via Piandole, 7/a
60036 Montecarotto (AN)
Tel: 0731 89245
Fax: 0731 89237

la luna nell'orto

LA LUNA NELL’ORTO

La Luna nell’Orto è una azienda agricola biodinamica che si trova a Barchi, sulle dolci colline tra le valli dei fiumi Metauro e Cesano, in provincia di Pesaro e Urbino.

Il paesaggio che la circonda è meraviglioso: grandi querce, pioppi, uliveti, vigneti inframmezzati da campi coltivati a grano, girasoli o fieno fanno da contorno a antichi casolari, piccoli borghi e rocche medievali.

Vicino all’azienda un laghetto è luogo di sosta per uccelli acquatici come aironi cenerini e folaghe e da maggio a luglio le notti sono punteggiate da miriadi di lucciole che si confondono con le stelle.

Renzo Tronchin con la moglie Petra ha iniziato l’attività agricola all’inizio degli anni ’90 coltivando terreni nelle colline di Barchi, a 30 km da Fano, col metodo biodinamico. Poi nel 2007 la coppia ha acquistato 5 ettari di terreno, insieme con un casolare. Una parte del terreno ospita un oliveto con 500 nuove piante, mentre nella rimanente parte vengono coltivate ortaggi, una vigna, il vecchio oliveto ed altre colture a rotazione.

La Luna nell’Orto azienda biodinamica produce ortaggi di stagione, ciliege e fragole, passata di pomodoro, olio extravergine d’oliva, succo d’uva e l’ottimo vino “Bianco di Luna” Marche Bianco IGT.

La moglie di Renzo Tronchin, Petra Bartels, ha studiato “Design di moda” a Berlino e in Irlanda. Poi si è trasferita in Italia dove ha collaborato con alcune case di moda, come stilista.

Dal 2000, in coincidenza con la nascita della figlia Greta, Petra ha iniziato a creare vestiti direttamente per le persone che glielo chiedevano, combinando la sua fantasia e il suo gusto con quelli della persona da vestire.

In questi anni Petra Bartels ha approfondito la sua conoscenza dei materiali naturali ed ecologici, come il lino, la canapa, la seta, l’ortica, la lana.

Petra crea abiti da sposa, costumi per teatro e per la danza e organizza corsi per la lavorazione del feltro, corsi di pittura ed installazioni,

“…la pianta con i suoi colori, la sua composizione e i suoi contrasti, la natura e le sue trasformazioni, la luce, le ombre, tutto questo è fonte d’ispirazione per i miei manufatti, che spesso nascono nel momento del fare, impulsivo e spontaneo…”

La Luna nell’Orto dispone anche di due appartamenti per ospiti.

La Luna nell’Orto di Petra Bartels e Renzo Tronchin
Via Madonna Rafaneto 18 – 61040 Barchi (PU)
Tel. (+39) 0721 978227

gastronomia beltrami

GASTRONOMIA BELTRAMI

La Gastronomia Beltrami si trova a Cartoceto, uno dei bellissimi paesi situati nella bassa Valle del Metauro, sulla sponda sinistra del fiume e a 15km dalla città di Fano.

I protagonisti di questa meravigliosa realtà sono Vittorio ed Elide Beltrami, con i loro figli.

La Gastronomia Beltrami produce formaggi, olio extravergine d’olivaconfetture, marmellate e salame di fico.

La filosofia e i metodi della azienda sono quelli che Vittorio Beltrami chiama “Retroinnovazione”, cioè avere come punto di partenza il passato, le nostre radici e la nostra storia, in maniera tale che l’inevitabile innovazione richiesta dal mutare dei tempi venga portata avanti con armonia, rispetto e simbiosi con l’ambiente.

I suoi formaggi sono ormai famosi in tutto il mondo: Lidia Bastianich nei suo libri dedicati all’Italia definisce Vittorio l’ ”Eistein” dei formaggi e dedica a Cartoceto uno show cooking con Vittorio, Elide e il loro sogno. Il più famoso giornalista enogastronomo svedese Bo Hagström nel suo libro Solens Smak racconta agli scandinavi la storia del Pecorino di Fossa che si fa a Cartoceto a casa Beltrami.

Parliamo dell’Ovillis, pecorino stagionato in Fossa, del Vinaiolo, pecorino stagionato con Vinaccia, dei diversi tipi di Bottaccino, pecorino in barrique con erbe di montagna, foglie di noce o foglie di castagno, del Cenerino, pecorino stagionato con cenere d’Ulivo per passare ai vari pecorini semi-stagionati e freschi, ai deliziosi caprini freschie conciati al pepe nero, all’origano, al rosmarino, al finocchietto e, in alcuni periodi dell’anno, profumati alle viole, alla calendula, al basilico o alla pimpinella.

ll Frantoio della Rocca di Vittorio Beltrami si trova al centro del paese di Cartoceto, che è immerso in una valle verdeggiante di ulivi che godono di un microclima particolare dovuto ai monti delle Cesane, che lo riparano dai venti freddi dell’ Appennino, e alle calde correnti ascensionali che salgono dal mare attraverso il fiume Metauro e al suo affluente Rio Secco.
Il Frantoio della Rocca si trova nel Palazzo Rusticucci, uno degli storici edifici del paese, risalente al 1400. Il frantoio lavora a ciclo discontinuo a freddo con mole di granito.
Accanto all’antica tradizione convivono in armoniosa simbiosi tutti gli accorgimenti migliorativi suggeriti dalle nuove tecniche di estrazione e produzione di extravergine.
Durante l’ estate la Gastronomia Beltrami organizza passeggiate nel Centro storico di Cartoceto con visita al sua antico Frantoio e camminate in mezzo alla campagna al Covo dei Briganti in mezzo al silenzio e al pascolo delle sue capre.
Via Umberto I 21/23
61032 Cartoceto (Pesaro e Urbino)
Tel. 339 6218064

 

 

 

la cerca

“LA CERCA” Tartufi

La parola La Cerca significa “la ricerca”. Naturalmente per trovare i tartufi nel bosco è necessario effettuare l’azione di “ricerca”, ma nel caso della famiglia di Alessandro Benvenuti, il proprietario di questo piccola “grande” azienda che a sede a Fano (Pesaro e Urbino) e si occupa della ricerca, della trasformazione e della vendita dei tartufi, La Cerca tartufi significa anche e soprattutto uno stile di vita, l’atteggiamento di salvaguardia del paesaggio e dell’identità della nostra regione, le Marche e, naturalmente, del suo più importante tesoro naturale: il tartufo!

Gli Chef del Ristorante di Villa Giulia utilizza solo la tartufi forniti da Alessandro, perchè conoscono e apprezzano la passione unica di Alessandro per il suo lavoro, il suo rispetto per la natura e gli amati cani.

Infatti forse non tutti conoscono il difficile mondo dei cercatori di tartufi, che spesso devono affrontare persone del tutto indifferenti alla violenza arrecata al paesaggio con le loro condotte scriteriate, persone che possono arrivare addirittura ad avvelenare i cani dei loro “concorrenti” al fine di garantirsi la gran parte della raccolta dei tartufi e quindi di denaro, ignorando ogni regola.

La Cerca di Alessandro Benvenuti funziona in modo diverso, operando per il recupero e la salvaguardia dei campi più adatti trasformandoli in tartufaie naturali controllate o, dove è possibile, in tartufaie coltivate.

La storia di La Cerca è una storia di passione, cura e rispetto, spesso difficile ma di grandi soddisfazioni.

Ci sono molte varietà di tartufi, a seconda delle stagioni dell’anno e si possono distinguere i tartufi secondo il colore che può essere bianco o nero, e secondo il “peridio” (la buccia, l’esterno), che può essere liscia o verrucosa . Questi sono gli elementi che definiscono il sapore e quindi il valore di mercato del tartufo.

Queste sono le varietà locali più pregiate:

Tartufo bianco pregiato

Tartufo nero estivo o “scorzone”

Tartufo bianchetto o “marzuolo”

La Cerca non è solo tartufi, ma una squisita varietà di prodotti che va dall’olio al tartufo e il burro al tartufo alle deliziose salse al tartufo!

La Cerca

Loc.Massa – 61043 Cagli (Pesaro e Urbino)

Tel. 349 6690487